In bici lungo l'ex ferrovia Spoleto - Norcia

+39 0733 637677 info@homelikevillas.com

Passeggiando in bicicletta, pedalando senza fretta, una domenica mattina potreste ritrovarvi lungo la vecchia linea ferroviaria Spoleto – Norcia. Una delle ultime strade ferrate ad essere progettate in Italia, ma anche una delle ultime ad essere dismesse seppur rappresenti, da sempre, un piccolo gioiello di ingegneria.

Definita il “Gottardo umbro”, per alcuni tratti elicoidali e la pendenza sempre molto ridotta, fu inaugurata nel 1926, dopo tredici anni di lavori rallentati in parte dagli effetti del primo conflitto mondiale. Progettata dallo svizzero Erwin Thomann, garantiva in due ore la copertura di un percorso di poco più di 50 chilometri su cui si snodavano 24 viadotti e 19 gallerie. Ad assicurare il pubblico servizio di trasporto erano cinque elettromotrici alimentate da una potenza di 2400 volt. Le elettromotrici, però, subirono gli attacchi dei tedeschi durante la seconda guerra mondiale. La storia di quel periodo segnò inevitabilmente quella di questa ferrovia nonostante negli anni Cinquanta si decise di mettere mano all’ammodernamento di quattro carrozze in parte però gravemente danneggiate.

 

La ferrovia Spoleto – Norcia dal 1968 è chiusa, il servizio su rotaia venne sostituito da quello su gomma con decreto del ministero dei Trasporti dopo che, tre anni prima, la Società Spoletina di Imprese Trasporti era subentrata al vecchio gestore. Da una quindicina d’anni la società Umbria Mobilità l’ha avuta in concessione. Dopo la sua messa in sicurezza ora la vecchia linea ferroviaria è riutilizzata come percorso di mobilità dolce.

Il ministro dei Beni Culturali ha dichiarato il suo percorso di notevole interesse storico e artistico. Oggi lo storico percorso è un bellissimo sentiero in mezzo alla natura nella regione cuore verde d’Italia. Si può coprire in bicicletta ma anche a piedi o a cavallo. E’ facile farsi distrarre, mentre lo si attraversa, da gole, corsi d’acqua, gallerie e viadotti.

La piazza di Norcia

Di solito ci si incammina da Spoleto, lasciando l’auto nei pressi dello svincolo della superstrada che proviene da Foligno. Si sale leggermente fino al valico di Caprareccia che si apre a una galleria di un paio di chilometri poi si scende lungo la valle del Nera. Il tracciato, dopo aver costeggiato acque leggendarie, riprende risalendo la Valnerina per poi risalire ancora, tra caratteristici borghi medievali, la valle del fiume Corno. Alla stazione di Norcia troverete, oggi come allora, il capolinea di una pedalata, o di una camminata, che vi avrà fatto trascorrere qualche ora spensierata a contatto con la meravigliosa natura umbra!

× Contact Our Villa Experts Available from 08:30 to 23:30