+39 0733 637677 info@homelikevillas.com

Con la primavera si risveglia la natura e il Cuore Verde d’Italia, l’Umbria, torna a battere. Insieme ai richiami nei tradizionali luoghi d’incanto, che da sempre rendono unica questa regione – dal lago Trasimeno alla cascata delle Marmore viaggiando per altre mete tradizionali come il lago di Piediluco -, in giro è tutto un fiorire di occasioni per godere di un periodo di vacanza in famiglia o con gli amici, meglio ancora se da trascorrere in una delle strutture di Homelike Villas. Queste alcune delle migliori proposte, selezionate per la nostra esclusiva clientela.

Il vino, il nettare degli dei, e l’olio extravergine di oliva, l’oro verde, si uniscono in matrimonio per la nuova edizione di Terrawine Festival, di scena l’11 e 12 maggio a Orvieto, nella suggestiva cornice del castello di Titignano. Una rassegna unica per promuovere non solo i tesori del territorio ma anche per parlare e confrontarsi, tra masterclass e seminari, su due dei più importanti protagonisti della tavola. Di scena, ovviamente, le produzioni tipiche di queste zone. L’edizione 2019 della rassegna vuole celebrare poi le Donne del Vino di tutta Italia e offrirgli un giusto e doveroso tributo.

Sempre ad Orvieto, la città costruita dagli etruschi sopra un masso di tufo, insieme ai capolavori dell’arte di Arnolfo di Cambio, Lorenzo Maitani, del Pisano, del Pinturicchio e del Signorelli, si possono visitare prestigiose cantine. Qui, non a caso ad Orvieto ha sede l’Enoteca Regionale, si produce un vino dal gusto raffinatissimo come il Muffato, insieme a una serie di etichette da far girare la testa: il Cervaro de La Sala, il Fobiano de La Carraia, il Febeo di Cardeto.

Ma il 15 maggio di ogni anno l’Umbria vive la ricorrenza più sentita, la Festa dei Ceri di Gubbio. Un mix tra un evento religioso unico, legato alla celebrazione del Patrono Sant’Ubaldo, e una rievocazione storica. Le statue di Sant’Ubaldo, San Giorgio e Sant’Antonio sormontano i ceri che vengono portati a spalla in una corsa che avviene nei vicoli del centro storico. La piazza Grande ospita l’“alzata” dei ceri, un momento realmente magico. I “capodieci”, con una manovra spettacolare, tirano su le imponenti strutture in legno dal peso di quasi quattrocento chilogrammi. Nel pomeriggio la corsa vera e propria anticipata dal grido “Via ch’eccoli!” che precede, di poco, il passaggio della corsa. Non vi è possibilità di sorpasso, il cero dovrà essere tenuto in verticale per evitare “cadute” e “pendute”.

E’ divenuto una tradizione anche “Porchettiamo”, l’evento dedicato alla Porchetta in tutte le sue declinazioni, che si tiene dal 17 al 19 maggio nel suggestivo borgo di San Terenziano. Negli stands si potranno degustare le migliori porchette provenienti dall’Umbria ma anche dalle Marche, dalla Toscana, dalla Sicilia, dal Lazio, dalla Calabria e dall’Emilia Romagna.

Per vivere al meglio l’Umbria vi suggeriamo alcune nostre dimore, tutte splendide e tutte assolutamente pronte ad accogliervi garantendovi una privacy assoluta.

Immaginate di sentire le fronde degli alberi mosse dal vento, di poter godere di un tramonto unico affacciati davanti alla rupe su cui domina il Duomo di Orvieto o di passeggiare tra i filari di un vigneto, in mezzo a uno dei roseti o tra gli ulivi e i castagni che dominano i tre ettari del parco recintato di un luogo da favola. Sarete a Villa Greta, storica residenza completamente restaurata mantenendo l’originalità dei materiali e dei colori e impreziosita da una accurata selezione di antichi mobili e tessuti pregiati. Qui tutto richiama al passato, al gusto e alla tradizione.

Nel suo cuore Villa Greta offre il meglio. Nella roccia sotto al casale è stata scavata, infatti, un’ampia grotta in tufo adibita a cantina per la degustazione dei vini.

A Gubbio, invece, vi aspetta Villa la Contessa. Un diamante incastonato tra le verdi colline che circondano la città medievale. Questa incantevole dimora è ideale per rilassarsi con la propria famiglia o con gli amici e passeggiare all’aria aperta. L’esterno rustico, con pietre a vista e particolari in legno, si differenzia dagli interni raffinati ed eleganti in stile barocco che sono arricchiti da soffitti a volta affrescati, sculture e richiami ad uno sfarzo gradevole del passato. Le zone relax lasciano spazio a qualche tocco moderno, per un ambiente comodo e distensivo.

Su di un promontorio che spazia fino al monte Cucco, su di un’ampia ansa del fiume Chiascio, sorge il Castello degli Arcieri. Immerso in un paesaggio incontaminato, ricco di boschi, prati e acque, fonda la sua storia nel Medioevo quando costituiva il fulcro della difesa del Comune di Gubbio contro Perugia. Non fu espugnato neppure dai Montefeltro che però distrussero il suo mulino poi ricostruito e tuttora esistente. Solo nel 1431 passò alla famiglia urbinate. Qui Federico da Montefeltro stabilì la sua residenza di caccia prediletta. Si narra che il Duca si lanciasse nella caccia ai daini e ai cinghiali che tuttora popolano la proprietà. Dal 1830 la proprietà passò alla famiglia che tuttora possiede la residenza e che ha una discendenza diretta da Napoleone.

In questo incanto della natura, in questo luogo così ricco di tradizioni e di storia, si potranno passare piacevolissime giornate di relax e divertimento, non lontano da affascinanti città d’arte. La residenza è immersa in un grande parco dove sono presenti caprioli, daini, fagiani, cinghiali ed ogni genere di animali tipici della zona, e fa parte di un consorzio faunistico venatorio. L’immenso giardino esterno, che fa da cornice al castello, e la bellissima piscina saranno pronti ad accogliervi per farvi vivere una vacanza da favola.

Ma in tutta l’Umbria vi attendono tante altre residenze di charme.